Senegal

Bandiera Senegal

 

Capitale Dakar
Abitanti 12.800.000
Estensione  Kmq 196.722 
Valuta Franco centrafricano   XAF 655,957=1€
Fuso orario -1h, -2h se ora legale in Italia
Elettricità 220 V, presa CDEK
Lingua Francese
Aeroporti  Dakar DKR

Dakar, la capitale, è situata all’estremità meridionale della penisola del Capo Verde, in una pianura che termina col Capo Manuel, di fronte all’isola di Gorée. Dakar è una città moderna, ricca di viali alberati, facilmente percorribile a piedi e con molti locali che ne animano la vita notturna. Resta comunque una città in cui il costo della vita è uno dei più elevati del continente e il livello di microcriminalità è alto. Meritano una visita il Museo Ifan, che conserva una splendida collezione di maschere, statue e strumenti musicali provenienti da ogni parte dell’Africa Occidentale. Non molto distante dal museo si trova il Palace Presidentiel, un bell’edificio bianco degli inizi del Novecento. Molto caratteristici sono i due mercati principali della città. Il primo, il Marché Kermel, si trova non lontano dal porto ed è specializzato in frutta, abiti, tessuti e souvenir. Il Marché Sandaga, più grande, è caratterizzato da una grande varietà di tessuti che esercita un forte richiamo sui turisti. Al di fuori del centro di Dakar si trova la Grande Mosquée, di recente costruzione (1964): l’accesso alla Moschea non è consentito ai non musulmani, ma il quartiere circostante, la medina, merita di essere visitato. L’atmosfera è molto vivace in contrasto con l’aspetto sofisticato che si è cercato di dare al centro della città.

Thiès, 60 km a est-nord-est di Dakar, è la seconda città del Senegal. E una cittadina estremamente tranquilla e gradevole, caratterizzata da ampi viali alberati e da piccoli caffè e ristoranti caratteristici. L’intera attività della città ruota attorno alla locale coperativa per la produzione di arazzi, la Manufactures Sénégalaises des Arts Décoratifs, nota in tutto il mondo. I disegni di questi particolari tappeti si basano su dipinti di artisti locali e sono quasi tutti pezzi unici. Per questo motivo i prezzi possono essere molto alti; vale comunque la pena di assistere anche solo alla lavorazione di uno di questi capolavori.

Saint-Louis, 190 km a nord-est di Dakar, cui è collegata per ferrovia, si trova presso la foce del fiume Senegal (che qui forma il confine con la Mauritania) nell’oceano Atlantico. Fu il primo insediamento europeo in Africa: i francesi vi si stabilirono per la prima volta nel 1638 e vi fondarono un centro urbano nel 1659. La città si estende in parte su un’isoletta del fiume unita alla riva sinistra (quartiere di Sor) dal Pont Faidherbe; la storia di questo ponte è abbastanza curiosa: originariamente venne costruito per attraversare il Danubio, ma in seguito venne trasportato in Senegal a bordo di una nave nel 1897. La città fu la capitale del Senegal-Mauritania fino al 1958, anno in cui i due Paesi si divisero. Sull’isola, il quartiere dove originariamente risiedevano gli europei, si possono vedere alcune antiche palazzine con cancellate in ferro battuto, balconi in legno e verande. La parte della città sorta sulla terraferma era invece abitata dagli africani: oggi è il quartiere di Guet N’Dar e ospita una comunità di pescatori. Da vedere il Palazzo del Governatore, un antico forte del XVIII secolo, oggi sede degli uffici amministrativi della città, e poco distante la cattedrale, la più antica chiesa del Senegal.

Kaolack è il principale centro senegalese dell’industria delle arachidi e un attivo porto sul fiume Saloum, attrezzato per l’esportazione delle noccioline. Situata a metà strada tra Dakar (da cui dista 155 km a sud-est) e Tambacounda, è una delle città più vivaci di tutto il Paese. Da visitare la moschea in stile marocchino e l’adiacente mercato coperto, con ampie arcate in stile sudanese. Per ampiezza il mercato di Kaolack è secondo in tutta l’Africa solo a quello di Marrakesh.

Parchi naturali

Parco Nazionale del Niokolo-Koba

È uno dei parchi più grandi di tutta l’Africa e, sebbene negli ultimi anni sia stato trascurato, resta molto interessante. Situato nella parte sudorientale del Paese, la sua vegetazione è lussureggiante e al suo interno sono ospitate circa ottanta specie differenti di animali. Fra questi vi sono leoni, elefanti, leopardi, antilopi, ippopotami, coccodrilli e babbuini che, protetti dal bracconaggio, hanno potuto evitare una sicura estinzione. Per accedere al parco è indispensabile utilizzare un’autovettura. Per ogni altra informazione è consigliabile recarsi direttamente a Tambacounda, il luogo presso cui il parco ha i suoi uffici principali.

Parco Nazionale della Langue de Barbarie

È situato nella parte nordoccidentale del Paese e ospita numerose specie di uccelli acquatici come fenicotteri rosa, pellicani bianchi, cormorani, aironi e anatre.

Parco Nazionale del delta di Saloum

È un ecosistema particolare: vi si trovano moltissime scimmie, ma soprattutto durante la stagione migratoria (da novembre ad aprile) è possibile osservare numerose specie di uccelli africani. Si tratta di un luogo selvaggio, lontano dalle abituali rotte turistiche, caratterizzato da cespugli di mangrovie, dune e isolotti di sabbia.

Spiagge

Le spiagge più frequentate del Senegal si trovano nella Casamance, presso capo Skiring: le spiagge di questa zona sono tra le più belle di tutto il continente e qui si trovano anche la maggior parte degli alberghi turistici.

Per sfuggire all’animazione di capo Skiring ci si può dirigere verso Diembéring, a 9 km più a nord: qui le spiagge sono meno affollate, ma ugualmente bellissime.

Il Nord del Paese, soggetto agli influssi desertici, si caratterizza per le temperature elevatissime, le forti escursioni termiche diurne e la scarsità delle precipitazioni, concentrate per lo più in estate. Procedendo verso sud il clima diventa caldo umido; sulla costa, dove è situata la capitale, le temperature sono meno elevate.

PASSAPORTO con VISTO d’INGRESSO da richiedere precedentemente.

E’ obbligatorio il vaccino contro la febbre gialla per tutti i viaggiatori superiori ai 9 mesi d’età provenienti da Paesi in cui la febbre gialla é a rischio trasmissione, nonchè per tutti i viaggiatori che abbiano anche solo transitato per più di 12 ore nell’ aeroporto di un Paese in cui la febbre gialla é a rischio trasmissione.

Internazionale con assicurazione locale.

Il Senegal è una delle destinazioni tra le più richieste dell’Africa Occidentale. Si tratta di una nazione estremamente ricca di storia e di cultura e favorita dal clima tropicale, che la rende ospitale in ogni stagione: tradizione e paesaggio sono le due principali attrattive di questo Paese

SCONSIGLIATI confine con Guine per epidemia di ebola e confine con Mali e Mauritania.

Le informazioni ivi contenute hanno puro carattere informativo, non si risponde di eventuali inesattezze e si invita a consultare gli aggiornamenti tramite le competenti autorità. Queste informazioni sono state realizzate attingendo: alla pagina dei tassi di cambio giornalieri comunicati dalla Banca d’Italia alla data del 31 dicembre 2014 per la valuta;  agli standard elettrici nel mondo pubblicati su Wikipedia per elettricità e prese;  alle informazioni inerenti capitale, abitanti, estensione, fuso orario, lingua,  documenti d’accesso, indicazioni sanitarie, patente automezzi, indicazioni speciali, contenute sul sito della Farnesina www.viaggiaresicuri.it nelle date comprese tra il 10 novembre e il 30 dicembre 2014.

Per il viaggio su misura dei tuoi desideri, o per i prezzi dei nostri pacchetti, compila i campi qui sotto oppure scrivici a info@mondoemozioni.com

Print Friendly, PDF & Email
Share This