Capodanno a Tutta Tuscia

 

30 Dicembre 2017 – 2 Gennaio 2018

 

Un viaggio per festeggiare il capodanno nel magnifico scenario del lago di Bolsena con la splendida Orvieto, la magica Civita di Bagnoregio, il parco dei mostri di Bomarzo e l’affascinante Viterbo!

30 dicembre: Biella – Civita di Bagnoregio – Bolsena. Alle ore 05 partenza da Biella verso Bolsena e all’arrivo pranzo in Hotel. Nel pomeriggio visita della cittadina di Civita di Bagno Regio che, al confine con l’Umbria, si adagia su un colle tufaceo cuneiforme a 443 metri s.l.m., stretto fra i due profondi burroni del Rio Chiaro e del Rio Torbido. Alle spalle dell’abitato si estende la grande vallata incisa dai “calanchi”, creste d’argilla dalla forma ondulata e talvolta esilissima, inasprite qua e là da ardite pareti e torrioni enormi, come il solenne e dolomitico “Montione” e la cosiddetta “Cattedrale”. L’affaccio dal Belvedere della Grotta di San Bonaventura è semplicemente meraviglioso. Il borgo rossiccio di Civita, su cui spicca lo snello campanile romanico della chiesa, si erge come un’isoletta nella fragile immensità dei calanchi. Al termine della visita si giunge in hotel. Cena con tombolata e pernottamento.

31 dicembre: Bolsena – Palazzo Farnese a Caprarola – Viterbo – Bolsena. In mattinata visita guidata di una delle più belle attrattive turistiche della zona, Palazzo Farnese a Caprarola, una fortezza dalla struttura pentagonale abbozzata dal Sangallo e sapientemente trasformata in maestosa residenza cinquecentesca per Alessandro Farnese, nipote di papa Paolo III. Al suo interno si può ammirare la magnifica Scala Regia, una scalinata a chiocciola poggiante su ben trenta colonne doriche e dai gradini così ampi da essere saliti a cavallo da Alessandro Farnese in persona. Tempo libero per pranzo e nel pomeriggio visita guidata di Viterbo, l’affascinante città dei Papi. Furono gli Etruschi ad abitare per primi Viterbo, se ne ha testimonianza dalle vestigia di quello che doveva essere un vero e proprio insediamento, nei pressi del colle dove oggi sorge il Duomo, distrutto dai Romani nel 310 a.C. durante la conquista della Tuscia. A Viterbo vennero nominati alcuni Papi tra cui Gregorio X, Niccolò III e Martino IV che riportò a Roma, nel 1281, la sede vescovile e con essa quella forza che aveva reso famosa la città. Percorrendo le vie di Viterbo si possono ammirare monumenti di ineguagliabile splendore quali il Palazzo Papale, la Cattedrale, il quartiere S.Pellegrino e il Palazzo dei Priori che coesistono armoniosamente in un centro storico ancora ben conservato. Al termine trasferimento a Bolsena per il Cenone di Capodanno con musica dal vivo e bevande incluse.

1 gennaio: Bolsena – Montefiascone – Orvieto – Bolsena. In mattinata visita di Montefiascone con l’accompagnatore. Montefiascone, con il più bel panorama del Lago, si trova a m 590 s.l.m. e si erge in cima al colle più alto dei Monti Volsini. Sorto nell’alto Medioevo, entrò nei domini della Chiesa nel VIII secolo, di cui divenne centro importante. Numerosi i monumenti che meritano di essere visitati: il Duomo (Cattedrale di Santa Margherita) con la sua imponente cupola, seconda per dimensioni solo a quella di S. Pietro in Roma; la Rocca dei Papi, edificata nel punto più alto del paese e oggi sede di esposizioni e manifestazioni culturali; la Chiesa di San Flaviano costruita su due piani in epoche diverse. La città deve la sua notorietà, oltre alla storia e all’invidiabile posizione, alla produzione e al commercio dell’ottimo vino Est!Est!!Est!!! e dell’olio extra vergine d’oliva. Pranzo in Hotel e partenza verso Orvieto per la visita guidata di una delle città più antiche di Italia che deve le sue origini alla civiltà etrusca. I primi insediamenti risalgono al IX° secolo a.C. e si localizzarono all’interno delle grotte tufacee ricavate nel massiccio su cui sorge attualmente la cittadina umbra. Lo splendido Duomo, un variopinto esempio di architettura romanico-gotica, ricchissimo di opere d’arte, custodisce al suo interno il Sacro Corporale. Da non perdere la Città Sotterranea che fu interamente ricavata dalle cavità scavate dagli abitanti nel corso dei secoli, ricca di pozzi e grotte; il più famoso è probabilmente il Pozzo di San Patrizio, accanto ai giardini comunali che si trovano all’interno della Fortezza dell’Albornoz. Il pozzo, straordinaria opera di ingegneria civile del Cinquecento, è profondo  62 metri con un diametro di 13,5 metri. Tutt’attorno si snodano due scale a chiocciola elicoidali che non si incontrano mai; le due scalinate, composte da 248 gradini ognuna, ricevono luce da 72 finestre creando un’atmosfera surreale. Al termine della visita rientro in hotel,  cena con serata danzante.

2 gennaio: Bolsena – Bomarzo – Biella. In mattinata visita di Bolsena con l’accompagnatore. Pranzo in hotel e partenza alla volta del Parco dei Mostri di Bomarzo, un parco naturale ornato da numerose sculture in basalto risalenti al XVI secolo e ritraenti animali mitologici, divinità e mostri. Il Parco si estende su una superficie di circa 3 ettari, in una foresta di conifere e latifoglie, e conserva anche edifici che riprendono il mondo classico e/o annullano le regole prospettiche o estetiche, allo scopo di confondere il visitatore. Le sculture sono state realizzate in basalto, materiale disponibile in quantità massicce in loco; molte attrazioni sono contrassegnate da iscrizioni enigmatiche e misteriose, sopravvissute purtroppo in piccola parte. Tuttavia è bene notare che l’attuale disposizione delle attrazioni nel Parco non è, salvo alcuni casi documentati, quello originario, ma risale alla seconda metà del XX secolo, quando la famiglia Bettini lo rilevò e lo rimise in uso. Al termine partenza verso Biella con arrivo previsto in tarda serata.

DATA  30 dicembre 2017 – 2 gennaio 2018

PREZZO 499 € a persona

PRENOTAZIONE entro 26 Novembre 2017

N° partecipanti: min 30 – max 46 persone

La quota comprende:

  • trasferimento andata e ritorno da Biella in bus;
  • sistemazione presso Ai Platani Hotel 3* a Bolsena;
  • trattamento di pensione completa come indicato nel programma (escluso solo il pranzo del 31 dicembre);
  • cenone di Capodanno;
  • serata danzante;
  • guide locali;
  • tutti gli ingressi ai luoghi indicati nel programma;
  • accompagnatore;
  • assicurazione spese mediche-bagaglio AXA, come da scheda informativa disponibile in agenzia e visionabile sul sito internet.

 

La quota non comprende:

  • le tasse per fotografie e video nei musei;
  • i pasti non specificati nel programma;
  • facchinaggio, mance, extra personali in genere e tutto quanto non espressamente indicato nel programma;
  • tutto quanto non espressamente indicato ne “La quota comprende”.

Scarica le condizioni della copertura assicurativa >
Leggi le condizioni generali di contratto di vendita di pacchetti turistici >

Le nostre gite sono tante altre

Organizziamo viaggi brevi

Organizziamo anche tanti tour

Per qualsiasi informazione compilare i campi sottostanti

Print Friendly, PDF & Email
Share This